CAMBIAMENTI

Sparkling Magazine

CHANGE-MANO

Questo è senza dubbio l’articolo più difficile che io abbia mai scritto. E sì che dovrebbe essere il mio lavoro avere sempre le parole giuste al momento giusto. Però quando parli di qualcosa a cui tieni, che coinvolge qualcuno a cui vuoi bene, cadere nello stucchevole è un rischio grande, molto grande. E allora, vi annuncio questo cambiamento per Sparkling Magazine con poca enfasi e molta sintesi: da oggi, sono ilnuovo direttore responsabileartdirector la nuova mamma di Sparkling Magazine. Giuliana, mente vulcanica e creativa che ha ideato Sparkling, ha imboccato un nuovo percorso professionale e ha dovuto fare una scelta che ha implicato una rinuncia. E così adesso sono sola al timone, e non è facile, quando vieni dopo una donna capace e brillante.

A lei, che mi ha viziata, coccolata e spronata, va un immenso grazie per la fiducia e l’affetto e un in bocca al…

View original post 40 altre parole

Golden Globes 2014, le pagelle di stile

Noi Italiani ricorderemo sempre i Golden Globes 2014 per il premio al nostro Paolo Sorrentino, che ha vinto il premio come miglior film straniero per “La grande bellezza”, ma come sempre la parte più interessante è quella più frivola, ovvero il red carpet. Ho selezionato per voi i look che più mi hanno colpito, in positivo e in negativo. Siete pronte? Via!

 

miranda kerr

Miranda Kerr in Emilio Pucci

Miranda in Emilio Pucci,  con un abito che grida “rosica” da ogni centrimetro di stoffa. Si, deve aver preso molto bene la fine del suo matrimonio con Orlando Bloom.

Greta Gerwig

Greta Gerwig in Donna Karan

La ragazza non ha amiche, mi sembra abbastanza chiaro. E probabilmente nemmeno specchi a casa.

Heidi Klum in Marchesa.

Heidi Klum in Marchesa.

Ora, abbiamo capito che quella messa su da Georgina Chapman è più una lobby che una casa di moda, ma era proprio necessario presentarsi con quei capelli e le occhiaie da c’ho il bambino che sta mettendo i denti e nun me fa dormì la notte?

Helen Mirren

Helen Mirren in Jenny Packham

La migliore della serata. 10+

Zosia Mamet in Reem Acria

Zosia Mamet in Reem Acria

Deve essere andata così: Zosia, alla toilette delle donne, si è accorta di avere l’alito pesante. Maria de Filippi le ha offerto provvidenzialmente una delle caramelle che ciuccia di solito in tv. E non è che puoi sputarla sul red carpet, quindi tiè, caramella di lato e stile Maria esportato oltre oceano.

Emma Watson in Christian Dior

Emma Watson in Christian Dior

Bellina lei. Solo che si è dimenticata addosso il camice usato durante la sessione di trucco e parrucco.  Ci fidiamo di lei, e siamo certe che sotto abbia un abito favoloso.

Jenna Dewan in Roberto Cavalli

Jenna Dewan in Roberto Cavalli

Roberto Cavalli vuol dire bustino, fianchi stretti e tanta coda. Noia. E lei forse è stata invitata all’ultimo momento e non ha avuto il tempo per la piega. Altrimenti non si spiega quell’untuosa fila laterale.

julia-roberts-golden-globes-2014-red-carpet

Julia Roberts in Dolce e Gabbana.

Così cofana, così anni ’90, così vecchia che nasconde gli anni. Deludente.

Uma Thurman in Atelier Versace.

Uma Thurman in Atelier Versace.

Lei è la divina Uma. Non si discute, non si critica, non si attacca. Si ama. Punto. E noi ti amiamo, santa Uma.

Sofia Vergara

Sofia Vergara in Zac Posen

Non ho ancora capito il suo ruolo, il senso della sua presenza ad Hollywood ma aveva una collana meravigliosa e quindi ve la beccate.

Jessica Chastain in Riccardo Tisci

Jessica Chastain in Riccardo Tisci

Di solito non mi piace il suo stile, ma in questo red carpet ha brillato con un outift composto, calibrato e studiato nei minimi dettagli. Perfetta.

Emma Roberts in Lanvin

Emma Roberts in Lanvin

La giovane Emma deve ispirarsi ad Anna Tatangelo. Altrimenti non si capisce perchè a soli 22 anni sia arrivata sul red carpet con un abito più adatto forse a zia Julia.

lenadunham

Lena Dunham in Zac Posen

Da oggi in poi, ogni volta che mi sentirò un cesso, pensero a quella volta che Lena Dunham si è presentata ai Golden Globe con il rossetto sui denti. E starò subito meglio, ne sono sicura.

Olivia Wilde in Gucci Premiere.

Olivia Wilde in Gucci Premiere.

Olivia Wilde in Gucci Premiere. La furbona ha abbinato il colore dell’abito a quello degli occhi. E ha indossato l’accessorio sonofigaancheincinta.

Kerry Washington in Balenciaga

Kerry Washington in Balenciaga

Kerry Washington in Balenciaga. Porta con gran classe le curve della gravidanza sul red carpet. Perchè si, quando la gente è incinta ingrassa, Olivia.

jennifer lawrence

La regina della serata è indiscutibilmente lei, Jennifer Lawrence. Goffa, imbranata, fuori posto, sceglie ancora una volta un abito Dior e risulta perfetta, comunque, in ogni ruolo.

Qual è stato il vostro look preferito?

Blogger per Carpisa

carpisatatoo

Prendete i fashion blogger più seguiti e chiacchierati della blog sfera: Chiara Ferragni, Mariano Di Vaio, Veronica Ferraro e Chiara Nasti. Aggiungete la prezzemolina socialité Candela Novembre  e il deus ex machina del blog The Blonde Salad, Riccardo Pozzoli, e la polemica, con relativo tam-tam e la conseguente pubblicità gratuita, è fatta. Non può esserci altro ragionamento dietro la scelta del marchio Carpisa, che ha scelto i sei come testimonial d’eccezione per il lancio del nuovo e-commerce e della linea di valigie personalizzabili creata per celebrare l’evento. Come accade di solito il brand è stato bersagliato da feroci critiche e polemiche per la scelta.

Ha ancora senso chiamare fashion blogger dei personaggi che passano senza alcuna soluzione di continuità da Louis Vuitton a Carpisa? E quanto sono credibili, visto che pur di apparire prestano la faccia per marchi di alta moda come per brand low cost dietro lauti compensi?? “Purchè se ne parli” è la nuova frontiera della pubblicità in periodi di crisi?